domenica 11 maggio 2014

Salone del Libro di Torino e Salone OFF 2014: un resoconto rampante

E finalmente trovo il tempo per scrivere un post e raccontarvi i miei due giorni tra Salone del Libro e Salone OFF. Due giorni belli, intensi, un pochino anche angosciosi, ricchi di incontri, libri ed emozioni.
Come vi avevo anticipato, quest'anno sarei stata parte attiva, nel mio piccolo, del Salone e del Salone Off: un sogno che si avvera, quello di entrare con il pass di relatore e vedere il mio nome comparire nel programma.

Ma andiamo con ordine, che oltre alle mie presentazioni, ci sono altre cose che meritano di essere raccontate.
Innanzitutto credevo che andare al Salone di venerdì garantisse una certa tranquillità al suo interno. Tranquillità che c'era sicuramente all'ingresso (il lettore rampante ed io siamo arrivati verso le 11.30 e di coda per il biglietto lui non ne ha dovuta fare... mai vista una cosa del genere!), ma che poi un po' si perdeva una volta varcata la soglia dei padiglioni. Perché il venerdì è il giorno delle scolaresche. Tante scolaresche. E di conseguenza altrettanti ragazzi e ragazzini delle più svariate età che girano per il salone. Se da un lato trovo che sia davvero una bella cosa portare le scuole in mezzo a tutti quei libri, dall'altro, essendo una che odia il caos, ho avuto seriamente paura di sbroccare.

Dopo essere passati a salutare i ragazzi delle Edizioni Spartaco (visto quanto li ho torturati i giorni prima con le mie ansie, mi sembrava giusto fargli sapere che almeno il primo scoglio, ovvero l'ingresso, era stato superato) e aver fatto i primi acquisti alle edizioni e/o (dove se acquistavi due libri te ne regalavano un terzo), siamo andati all'incontro TRADURRE I CLASSICI, in Sala Azzurra. A parlare dei classici e della loro traduzione (argomento che mi sta molto a cuore, in quanto sono fermamente convinta che i classici vadano ritradotti dopo un po' di anni affinché siano più fruibili e leggibili) c'erano Luciano Canfora, Renata Colorni, Ernesto Franco, Nuccio Ordine e Elena Loewenthal. Tutti esperti di classici per le più importanti case editrici, da Einaudi a Bompiani, anche se non tutti traduttori. 

La sala era gremita, per lo più da ragazzi delle scuole superiori, verosimilmente trascinati lì dai loro professori.  E infatti quelli davanti a me giocavano all'impiccato, quelli dietro erano su facebook o su twitter e sono abbastanza sicura di aver sentito qualcuno russare. Per quanto lo trovi deprecabile e poco rispettoso, lo posso anche capire. Parlare di classici non è per niente facile. Bisogna avere un sacco di conoscenze e una grandissima passione. La stessa che ci va per tradurli. Il problema è che se si vogliono mantenere in vita i classici, invogliare i giovani a leggerli, bisogna parlar loro in modo diverso. Meno accademico e più dinamico. Ho faticato davvero anche io a seguire senza distrazioni tutta la conferenza, pur trattandosi di un argomento che mi interessava molto. Ho preso qualche appunto, certo. Qualche spunto per la mia rubrica di traduzione (mi sa che in una delle prossime puntate si parlerà di Thomas Mann), ma devo ammettere che quando è finito ho tirato un sospiro di sollievo. 
Appena usciti abbiamo fatto un giro tra i vari stand: minimumfax, marcos y marcos, iperborea (sconto con la tessera ikea) e poi multiplayer edizioni... dove c'era un angolo interamente dedicato a Star Wars (e diamo un contentino al povero lettore rampante, su!).

Dopo le foto di rito con Chewbacca e R2D2, siamo andati allo Stand del Paese Ospite, la Città del Vaticano, per l'incontro con le altre blogger. Un incontro rapido, ma molto piacevole. Anche se sono convinta che il Salone non sia il posto migliore per conoscersi un po' meglio, visto che ci sono conferenze da seguire, autori da stalkerare e libri, libri, ovunque. 
Da lì siamo poi andati all'incontro in Sala 500 con ANDREA VITALI. Era da tempo che volevo assistere dal vivo a una sua presentazione, per cercare di capire che persona è e, soprattutto, come fa a scrivere così tanto. 
L'incontro è stato davvero molto divertente, anche se non ho ancora letto nessuno dei due libri che venivano presentati (sì, due). La relatrice gli ha anche posto proprio la domanda che da tempo vorrei porgli io, ovvero: come fai? Lui ha detto di aver tanti libri nel cassetto, tante storie che gli frullano in testa e tanta voglia di raccontare. Non necessariamente i libri che escono oggi sono libri che ha scritto oggi. Sebbene rimanga dell'idea che un libro all'anno, massimo due, siano più che sufficienti, la sua spiegazione in qualche modo mi ha convinta. Poi beh, sentirlo parlare dal vivo di Bellano e dei suoi compaesani è stato davvero emozionante! (E ricordate che "Chi piscia spesso e chiaro il medico vede raro").

Finito l'incontro con Vitali, ci siamo avvicinati allo stand della Spartaco. Alla mia prima presentazione mancava poco meno di un'ora e volevo arrivare per tempo e magari chiacchierare anche un po' con l'autrice (ok, e il lettore rampante voleva essere sicura che non scappassi). Abbiamo scambiato due parole (riguardo soprattutto all'affluenza al salone) e poi, finalmente, è giunta l'ora di recarsi all'Indipendent's corner, per presentare LE GIOCATRICI di Marilena Lucente, insieme all'autrice e a Giusi Marchetta.


Molto bella la sala (con i mobili di cartone!) e direi anche parecchia gente a sentirci. Come sia andata, onestamente, non lo so dire. Nel senso che ero un po' terrorizzata e non sono ancora del tutto convinta che le mie domande non fossero sceme. Devo ammettere di essere scesa da lì, una volta finita la presentazione, pensando di chiudere tutto e non presentarmi il giorno successivo (sì, lo so, lo so, le mie reazioni sono sempre un po' spropositate... soprattutto considerando che invece tutti mi hanno detto che era andata molto bene!).

Dopo la presentazione abbiamo fatto ancora due passi per il Salone (con degli amici speciali a farmi da supporto) e incontrato Francesco Piccolo che passeggiava amabilmente tra gli stand ("Ma come cavolo è possibile che ci sia Francesco Piccolo che passeggia così, tranquillo, senza che nessuno lo fermi?" cit.), per poi avvicinarci alla Sala 500 per l'incontro con i fratelli Carofiglio. Incontro a cui però non abbiamo assistito, in quanto erano molto in ritardo sul programma, ma che mi ha dato modo di parlare un po' con Francesca di La contorsionista di parole, una blogger che adoro e che dal vivo non avevo mai incontrato (e che vi suggerisco di seguire, se ancora non conoscete). E' stato davvero bello!

Siamo finalmente usciti dal Lingotto che erano quasi le 21 di sera e, dopo una scorpacciata di sushi, siamo tornati a casa, stracarichi di libri. Alla fine sì, ho comprato tantissimo, approfittando anche degli sconti fiera. Sconti che le grandi case editrici non fanno ma che invece, in una forma o nell'altra, le piccole sì.
Questo è il bottino finale (sì, c'è anche un flipback... ma me l'hanno regalato):


Sabato nel pomeriggio invece ho partecipato alla mia seconda presentazione. Fuori dal Salone, questa volta, a San Salvario al Camaleonte Piola, in occasione appunto del Salone OFF. Dopo aver fatto due passi per il centro di Torino in mezzo a un'afa pazzesca, il corteo dei No Tav e dei buffi corridori tutti colorati (c'è stata la Color run, una figata pazzesca!), siamo arrivati al locale con un po' di anticipo e scambiato quattro chiacchiere con Andrea Vismara, autore di Iddu, il romanzo che di lì a poco avrei presentato insieme a lui e accompagnati dalle letture di Alessandra De Fortis. 



Sicuramente il fatto che il locale fosse un po' più piccolo e più intimo, e soprattutto di aver già esordito come "presentatrice" (Allegria!) il giorno precedente mi hanno aiutato. La presentazione è stata molto bella, divertente, e Andrea Vismara è stato davvero bravo a raccontare la storia della nascita del romanzo e a trasmettere la sua passione per Stromboli (oltre, ovviamente,a rispondere anche alle mie domande imbecilli). 
Alla presentazione è poi seguito un aperitivo a base di specialità strombolane: (due ore prima "Oh, lettore rampante, speriamo  non ci siano pesci o melanzane tra le specialità strombolane, che figura ci faccio se no visto che non li mangio"): ovvero acciughe, caponatina e focaccia ripiena. Tutto buonissimo (mi assicura chi ha mangiato)!


Insomma, sono stati due giorni molto belli e molto intensi, come da qualche anno a questa parte sempre lo sono quelli del Salone. E devo ringraziare tanto, tantissimo tutte le persone che hanno contribuito a renderli così belli: Tiziana, Ugo e Francesco delle edizioni Spartaco, per avermi offerto questa grande opportunità. Marilena Lucente e Andrea Vismara, per essersi fidati a farmi presentare i loro libri pur sapendo che era la prima volta.  Laura e Thais, grandi amiche, sempre presenti nel momento del bisogno, e che, insieme a Fabio, hanno sopportato il mio calo di tensione post presentazione. Tutte le blogger che ho incontrato, anche se per poco. Tutti quegli editori con cui ho scambiato battute e tutti quei fantastici libri che sono venuti poi a casa con me.
Vabbè sì, poi ovviamente anche il lettore rampante, per il sostegno, la pazienza e le spalle robuste  con cui ha portato tutti i miei acquisti. Non riesco a immaginare di andare a un Salone del Libro senza di lui (da nessuna parte senza di lui riesco più a immaginare di andare, in realtà).
Bom, detto questo, da domani riprenderà la normale programmazione sia qui sul blog sia sulla pagina facebook, che immagino che per chi non è potuto andare al Salone sia una vera tortura vedere foto e leggere questi resoconti.

25 commenti:

  1. Come sempre: ironica, tenera, precisa nel trasmettere le tue emozioni e, soprattutto, la tua grande passione per i libri!
    Davvero c'erano ragazzi che giocavano all'impiccato? Pensavo che, con l'avvento della tecnologia, certi passatempi fossero stati debellati!
    Al prossimo anno, spero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuro che c'erano! Forse perché non osavano giocare direttamente con lo smarphone per paura di essere beccati! :P
      Grazie cara!

      Elimina
  2. Oddio, il flipcoso...
    Comunque, ribadisco: non è andata male come presentazione! Però capisco il tuo punto di vista. Quando suonavo, il contesto influenzava moltissimo la mia percezione della performance, esecuzione compresa. Non mi stupisce che abbia preferito il locale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che forse l'eccessiva ansia mi ha fatto dare un po' di matto non solo prima, ma anche dopo la presentazione (e grazie mille sia per essere venuto, sia per aver sopportato dopo le mie paturnie! :) ) .
      Il giorno dopo l'ambiente era molto meno "formale", più rilassato e la presentazione è stata una vera e propria chiacchierata... forse sarebbe stato meglio fare prima la seconda, ecco :P

      Elimina
  3. Che bella relazione! Ho letto il tuo "resoconto rampante" con molto interesse. Grazie per aver condiviso con noi questa tua esperienza:)

    RispondiElimina
  4. Congratulazioni per le presentazioni! La prossima volta vengo a sentirti a Francoforte, allora? ;-) Intanto non vedo l'ora di leggere il tuo post su Thomas Mann...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :) Mi sa che prima di Francoforte ne dovrò fare ancora un bel po' di presentazione... e imparare il tedesco! :P

      Elimina
  5. Capisco benissimo la tua ansia da prestazione. Pure a me, quelle rare occasioni in cui ho fatto il moderatore, ho sempre pensato di aver fatto domande sceme. Per fortuna gli autori parlavano che era una meraviglia! XD

    Ma sono sicuro che tu non puoi fare domande sceme! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so ancora del tutto convinta :P

      Elimina
  6. Che esperienza emozionante e che peccato non esserci stata! L'incontro Tradurre i classici sarebbe stato, se avessi potuto partecipare, uno di quelli a cui avrei voluto assistere, soprattutto per la presenza di Canfora. Grazie per il tuo resoconto rampante, è sempre piacevolissimo leggere delle tue avventure letterarie e sono sicura che sei andata alla grande con i tuoi interventi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato interessante quell'incontro ma, devo ammettere, anche un po' noioso... capisco che l'argomento sia quello che sia, però ecco mi aspettavo un po' più di coinvolgimento, di pathos nel parlare... non so. :/

      Elimina
  7. Sempre molto completi e divertenti i tuoi post! Peccato essermi persa il salone! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Organizzati per il prossimo anno! Per me il Salone merita sempre!

      Elimina
  8. Mi spiace tanto non aver potuto seguire i tuoi incontri, ma sono certa che ci saranno occasioni future in cui potrò recuperare :D
    Detto questo, sono proprio contenta di averti rivista, anche se solo per poco; hai ragione, il Salone con la sua frenesia e i libri e gli incontri non è il luogo migliore per un incontro come si deve, ma è comunque un ottimo punto "d'intersezione". Chissà, magari un giorno si riuscirà a organizzare un caffè tranquillo, in cui ci si potrà sedere e chiacchierare con calma :) Sarebbe fantastico!

    P.S. acquisti interessanti!
    P.P.S. quando parli del Lettore Rampante sei davvero tenera :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dovrebbe proprio organizzare un incontro tra blogger! (Senza troppi libri attorno a distrarci però, se no mica ci riusciamo a chiacchierare :P)

      Anche io sono davvero contenta di averti rivista... e che anche la tua presentazione sia andata bene!

      Alla fine tu che hai comprato?

      Per il lettore rampante... beh... in questi giorni è stato semplicemente adorabile, anche se magari di stare nel Salone 12 ore e di portarmi tutti i libri non aveva poi tutta sta voglia. Insomma, se le merita tutte le mie parole tenere :)

      Elimina
  9. Sono felice di averti conosciuta e alla presentazione al Salone sei stata veramente brava, fidati, non sembravi in panico per niente :)
    Dolci tu e il Lettore Rampante!

    Valentina
    www.peekabook.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me ha fatto davvero molto piacere! :)
      E grazie per essere venuta alla presentazione... sono contenta che il mio panico fosse solo interiore e che da fuori non si sia visto :P

      Elimina
  10. Ciao! Avrei tanto voluto sentirti ma purtroppo il lavoro non me lo ha permesso!! Ottima presentazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla! Spero ci saranno altre occasioni! :)

      Elimina
  11. Ma che bella avventura!

    Io di fronte ad una così ampia scelta e tutto ul caos del salone non riesco msi a comprare nulla. Però ogni due o tre anni me lo dimentico.... e ci torno!

    Se sarò a casa l'anno prossimo ci andrò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero partita preparata, con una lista dei libri da acquistare e i soldi quasi contati nel portafoglio :P

      Elimina
  12. Bel resoconto! :-)
    P.S.
    Sono andata a vedermi le informazioni sui Flipback, pare siano rilegati con il filo!
    E' proprio vero?
    Non ho resistito e ho ordinato "L'ombra del vento" di Zafon visto che non l'ho mai letto .... :-)
    Ho anche pensato che per come son fatti devono esser l'ideale da leggersi a letto prima di dormir , mi pare comodo da leggere sdraiati su un fianco come faccio io.. :-)
    Mi stanno attirando nel tunnellllllllllllllllll :-) Ma se sono davvero rilegati col filo ne son felice! Guarda un po' che ci voleva per far produrre libri degni di questo nome alla Mondadori!:-)
    Dalia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, noi stiam facendo le prove da due giorni se davvero si riescono a leggere con una mano sola e per ora, per noi, la risposta è no. Ma forse perché sia io sia il lettore rampante siamo estremamente goffi :P

      Elimina
    2. Con una mano sola la vedo dura pure io anche perché Zafon son 800 pag. in quel formato, però se lo appoggi sul cuscino fai meno fatica a sfogliarlo rispetto all'altro formato credo... :-) ( Pure io non sono un esempio di destrezza ! :-) ...)
      Dalia

      Elimina